DAI FERROVIERI IN LOTTA A SLOW FOOD COSÌ È CAMBIATA L’OSTERIA DEL TRENO

La lunga storia della sala Liberty attigua al locale in via San Gregorio. Nel 1944 fu trasformata in cinema per pellicole di seconda e terza visione e poi a luci rosse.

di LUIGI BOLOGNINI (la Repubblica del 25/08/2011)
Dalla velocità dei treni che tentavano di collegare un’Italia unita solo politicamente e da poco alla lentezza del cibo mangiato con calma per assaporarne gusti, sfumature e tradizioni. Dalla lotta dei lavoratori per il pane al ricco companatico che viene servito ora, con un passaggio tra John Wayne e il porno. La sala Liberty di via San Gregorio 46, nata come sede della mutuasindacato dei ferrovieri, ora è dependance di extralusso dell’Osteria del treno, il luogo dov’è nato il movimento Slow Food a Milano. Ma senza dimenticare le radici.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.