GAMBERO ROSSO 2015

(per il terzo anno consecutivo insigniti del premio “3 gamberi”)

Angelo Bissolotti (insieme ai tanti e validissimi collaboratori) ha ormai fatto del suo locale un punto fermo per chi vuole mangiare in modo tradizionale (lombardo, ma non solo), con materie prime di assoluta qualità (dai molti Presìdi Slow Food alle scelte di collaudati selezionatori, come Jolanda de Colò), e in un clima di calda convivialità. Di altissimo livello sono le selezioni di formaggi e salumi (per ognuno dei quali è indicato il produttore), con una citazione d’obbligo per l’oca: petto affumicato, speck, sasakà e terrina di ciccioli uno più buono dell’altro. Resistete alla tentazione di un secondo giro, magari con i salumi della Val d’Orcia, perchè vi aspettano dei primi tanto buoni quanto sostanziosi. Anche qui abbiamo un nostro preferito, i tortelli al formaggio d’alpeggio con dadolata di mele e Vezzena, ma quelli alla verza con salsiccia o i tagliolini al ragù di tre carni non sarebbero da meno. Sontuosa, e quasi un piatto unico, una classicissima cassoela, da alternare a una squisita coppa all’arancia con ripieno di fichi e pistacchi o alle lumache alle erbe aromatiche. Va detto che pure i vegetariani possono trovare il loro spazio e tanta soddisfazione: a parte i formaggi o le verdure in carpione e alla griglia, il misto composto da sformato di bietole, tortino di porri e fagottino ai funghi non ha assolutamente nulla da invidiare, per gusto e intensità, alle altre preparazioni. E per finire in bellezza, si va dalla torta di mandorle e noci con gelato alla cannella alla mousse al cioccolato, passando per la sfogliatina all’arancia. la carta dei vini è quella che serve, senza fronzoli o fughe in avanti, il servizio è gentile e caloroso. Da non dimenticare la presenza della bellissima sala annessa, ideale per le serate di tango così come per incontri e degustazioni

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.