OSTERIE D’ITALIA 2015

A metà strada tra la Stazione Centrale e piazza della Repubblica, l’Osteria del Treno è da lungo tempo una garanzia: unica raccomandazione è quella di prenotare visto che il locale, anche se ampio, è sempre affollato di clienti, abituali e non. Il menù, improntato sopratutto sulla cucina milanese, impiega prodotti di tutt’Italia – tra cui molti Presìdi slow Food – selezionati da Angelo Bissolotti. Tra gli antipasti, qui chiamati “stuzzicherie”, potrete scegliere salumi milanesi, della val d’Orcia e di Sauris, o quelli d’oca (12 €) prodotti da Jolanda De Colò. Poi delicate tagliatelle con ragù bianco d’agnello (9€), saporiti paccheri con sugo di pomodoro e salame pezzente, tortelli alle bietole, lasagnette ai porri, crema di ceci. Anche i secondi omaggiano principalmente la tradizione milanese, dunque troverete il rostin negàa (piccolo arrosto annegato), piatto che ha ottenuto la denominazione comunale, il bollito di guanciale di manzo con bagnetto verde, rosso, rafano e mostarda di zucca (16€), e inoltre lumache alle erbe aromatiche con crostoni di pane, l’oca al ginepro, il galletto ripieno con prugne, salsiccia e il classico ossobuco. Grande selezione di formaggi. Dolci di stagione: sorbetti, gelati, torte, sfogliatine. Nutrita la carta dei vini, che spazia nell’intero ambito nazionale. A mezzogiorno la formula è self service, con prezzi contenuti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.